Un’azienda svizzera che distribuisce occhiali made in Japan. 😯
Che cosa significa il made in Japan?
È sinonimo di qualità, come il made in Suisse per gli orologi.

Infatti ci sono 2 città in Giappone, che sono Sabae e Fukui, a poche ore di treno da Osaka, fondamentali luoghi storici che producevano materiali per l’esercito e che vantano una competenza impareggiabile nella lavorazione dei metalli, celebri per la specializzazione nel titanio.
Di questo stiamo parlando, quando cito la produzione giapponese: una ricerca costante di materiali nobili e innovativi come la ceramica unita al titanio e acetato di cellulosa, a base di cotone, non di benzina come la maggior parte della cellulosa sul mercato.

CONCEPT

Un nome che richiama nell’etimologia il conio, cioè la moneta, ma c’è un A-privativo davanti, quindi sostanzialmente senza moneta, cioè inestimabile nel valore.
Deriva dal latino cuneus, lo strumento il cui scopo non è quello di spaccare, ma di imprimere un segno su un materiale solido e plastico: ciò che è coniato è nuovo di zecca.
Da questo deriva Akoni: un prodotto di alta gamma, cool, inestimabile, ma che possa durare per sempre.

L’obiettivo principale è creare prodotti di alta qualità senza tempo utilizzando materiali e metodologie che rispettano l'uomo e il nostro ambiente naturale

PECULIARITÀ

La produzione in Giappone richiede fino a 3 volte di tempo in più rispetto a quella europea, ma il risultato è un prodotto di altissima qualità che possa durare nel tempo.
Il cui logo si ispira alla sezione aurea, che con la sua simmetria e le sue proporzioni, si trova spesso nelle creazioni più belle della natura.
Pensa alla perfezione della sezione aurea e applicala al design: gli oggetti che ne risultano sono naturalmente gradevoli a vederli, secondo qualunque canone estetico.

PERSONE CHIAVE

Jeff Solorio e John Juniper (fondatori del marchio Dita)

A Scuola
di Occhiali

Optifit

ABC
Lenti a contatto